Mise En Abyme

Ecco come ci si perde all’infinito: basta che l’immagine abbia in sé se stessa. Potenzialmente dunque il gioco di specchi non si interrompe. Questo è il simbolo perfetto dell’ontologia del nostro essere al mondo e dell’essere: nel sé è contenuto il sé stesso come altro da sé: io è un altro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...