Mese: gennaio 2012

Cappuccetto Rosso

“Cappuccetto Rosso”
50×50 cm
olio su tela

Che ogni verità debba passare necessariamente per la menzogna, ce lo insegna ogni favola che si perde nell’origine dei tempi. Nel bosco di simulacri ci viene rivelato che il travestimento è il modo alto e sacro di presentarsi del sapere, che la luce è attratta dal moltiplice della tenebra dove ama infrangersi. Il ristabilirsi dell’ordine ci fa presto dimenticare come un incubo il fatto che l’abisso della corruzione dell’innocenza è perturbante ed ineffabile. Non serve a nulla trovare false consolazioni, un lieto fine, rintanarsi nel comodo salotto di casa del villaggio al di là del bosco, quando in preda all’angoscia e all’orrore si è intravisto il fondo di ogni cosa durante il viaggio.  

Pericolo

“Pericolo”
60×60 cm
mista su tela

Siamo davvero al sicuro nel dolce nascondiglio della realtà in cui ci abitiamo? Forse l’opportunità che ci è data di superare la superficie ordinata per accedere al buio che abbaglia non va sprecata! Cavalcate i sogni fino alla soglia!, pascolate innocenti dimentichi del ruolo che ricoprite in società!, lasciatevi andare alla furia di una posa assurda, che sembra un passo di una danza macabra!, posate sul comodino il vostro capo e specchiatevi nel puro dell’assenza: non c’è limite al naufragio di tutto ciò che reputiamo sacro.