L’azzurro del cielo


Mia poesia scritta di getto anni fa dopo la lettura del racconto “L’azzurro del cielo” di Georges Bataille.




febbraio 1999

a Georges Bataille


Accarezzo la terra
in una promessa solare;
forte e turgido, ali spiegate,
bevo il tuo alito di luce;
quali abissi nasconde il sorriso complice?
Dov’è l’inganno? Dove il male?
Ah, mia unica forza
è quell’effimero bagliore
che le mie dita stringono.
S’alza, sublime e brutale,
la melodia del naufragio
– orrido baratro dove sognai
la pura pelle,
dove piansi più volte
vomitando incenso…
Ah melodia, melodia vaga!
sacrificio di una necessaria rinascita,
in selvaggio presagio mutata,
esigi piena e cieca fiducia;
ed allora colpevole,
sommerso dal mutamento,
tra le nubi, oh sì, tra le nubi,
ti verrò a cercare.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...