Come la notte

Pubblico una mia poesia di qualche anno fa intitolata “Come la notte”.

asservito ai tuoi sussurri,

non penso e non sono,

e la notte esonda plumbea

nuvolosa, cimitero di stelle,

agonia delle sepolte memorie,

opaca di sogni colmi di nostalgia,

cieco nero ordito,

intessuto di confessioni di passati delitti,

sacra prigione.

Onda di alta marea,

oh mia sposa, oh dea,

come la notte

ghermisci in vertiginoso abbraccio;

ogni vaga esitazione

affoga in te …




Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...