Assenza di segnale

“Assenza di segnale”
mista su tela
60×60

In quell’istante la porta si spalancò. La nebbia cancellava i contorni della strada, un’aria gelida lo investiva alle spalle. “Finalmente!” pensò e si ricordò subito di come avesse desiderato che la sua vita fosse un semplice abbandono: non pretendeva molto, avrebbe voluto essere uno come tutti gli altri. E invece l’ombra lo aveva incalzato ad ogni passo, l’immagine che gli rifletteva lo specchio era sempre deformata, non vi si riconosceva quasi. Ora, allietato dal sottofondo del brusio del televisore, abbagliato dal buio di quella visione, non attendeva più, non voleva più ostinarsi e resistere, sorseggiava la sua bevanda gialla come il sole. Senza pensieri attendeva l’attimo in cui avrebbe finito con l’essere come lo sfarfallio argentato di assenza di segnale su uno schermo. Beveva e beveva. Sentiva la notte fluire dentro di lui, si sentiva trasformato in animale, in pianta, in una stella, in un continente, in una folla, era quasi felice e sereno – e finalmente, in quell’istante destinato a non finire, comprese la menzogna di Dio e dell’Uomo, capì che la possibilità di una nuova nascita passa necessariamente attraverso il tramonto di tutto. Non lottava più, era così dolce ora lasciarsi andare, frangersi come un’onda sulla battigia. Lui non c’era più, svanito nella luce di quell’intuizione. C’era soltanto più il suo ricordo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...