Appunti sulla filosofia di Rebis – I°

Il concetto di Trascendenza è ambiguo in filosofia e in generale. In apparenza sembra significare due cose diversissime: 1. la trascendenza come ciò che è al di là di questo mondo, il divino come opposto al terreno, da un lato, la trascendenza come Dio in ultima analisi; 2. la trascendenza come movimento di superamento di una situazione: a partire da un fine si illumina una situazione, c’è un movimento teleologico che caratterizza a partire da un fine futuro un dato di fatto, un essere dato delle cose. L’essere dato dunque, la fatticità, l’essere così formato delle cose, la loro identità, la loro forma, dipende dalla trascendenza.

Ciò che deve essere chiaro è che questo movimento è sia affermazione sia negazione. E soprattutto dal modo in cui intenderemo la trascendenza dipenderà anche la nostra concezione religiosa e morale. Dunque il concetto di trascendenza non è ambiguo per caso. Ha entrambi i significati.

Il filosofo deve decidere, anche se ateo, qual è la Trascendenza.

E soprattutto il filosofo di Rebis deve dimostrare che la trascendenza è identica all’immanenza.

Photo by Printexstar on Pexels.com

Racconti noir

Belzebù in “Sotto Mentite Spoglie” (ed. Neos, Torino 2020)


La scrittura noir deve essere un po’ “diabolica”, vale a dire deve sfruttare la buona fede del lettore per sorprenderlo. Così ho fatto io in questo racconto.
Fare credere qualcosa per poi nell’ultima riga svelare che era l’opposto di ciò che si era immaginato. Non è un semplice trucco o espediente, o una necessità del genere letterario scelto; o meglio lo è ma non solo e non in modo essenziale per me, me ne convinco sempre di più ora che sto scrivendo altri racconti. È proprio un’esigenza profonda della mia scrittura: indagare il lato oscuro dell’uomo e indurre il lettore a sua volta ad interrogarsi sul proprio lato oscuro.

Pesca miracolosa – Sotto il pelo dell’acqua

Da poco uscito per le edizioni Neos di Torino SOTTO IL PELO DELL’ACQUA. Tra i venti racconti noir di questa antologia c’è anche il mio PESCA MIRACOLOSA.

Venti racconti ambientati in Piemonte all’insegna di misteri, delitti, amori criminali, inevitabili destini, vendette personali, nemesi e altre storie.

Disponibile in libreria o online su Amazon o contattandomi direttamente da me.

Ringrazio il curatore Ernesto Chiabotto per l’eccellente lavoro e per il supporto.

L’ acqua è l’elemento primordiale per eccellenza.

Può essere limpida e chiara, o uno specchio che riflette oppure può essere torbida e nascondere chissà quali misteri.

È stata una bella sfida per me inventare un racconto noir a tema: PESCA MIRACOLOSA.

È ambientato al Laux, nel Comune di Usseaux.

Sarò riuscito nel rendere inquietante e noir un luogo normalmente tranquillo, pacifico?

Sta a voi scoprirlo e dirlo!

Sotto Mentite Spoglie

SOTTO MENTITE SPOGLIE

Sono molto felice di fare parte di questa antologia straordinaria con un mio racconto dal titolo “Belzebù”.

19 racconti noir ambientati in Piemonte a breve in libreria e nei principali siti di vendita online.

Le vicende del mio racconto si svolgono a Pinerolo.

Grazie a Ernesto Chiabotto per avermi dato l’opportunità e per l’ottimo lavoro svolto.